Autismo e trauma: 

  • Come i professionisti ritraumatizzano involontariamente bambini/ragazzi/adulti autistici

  • Cosa possono fare i professionisti per supportare la salute mentale delle persone autistiche 

Indipendentemente dall'intervento o dal livello di input forniti dai professionisti, è fondamentale considerare altrettanto il COME interagiscono e comunicano con le persone autistiche. Questo è altrettanto importante (se non più importante) degli obiettivi, delle attività e dei compiti della terapia. L'intervento è NELLA relazione - senza sicurezza emotiva, non ci sono esiti terapeutici)

Ma perché...?

a person is sat on the floor with their head on their knees. Their hands are wrapped around their legs and their eyes are closed.

...a causa di un trauma. 

Come gruppo di persone, i bambini/adulti autistici hanno storie di traumi complessi. I bambini autistici che finiscono in strutture/scuole specialistiche hanno in genere vissuto anni di traumi a causa del fatto di trovarsi in scuole normali che non sono state allestite per loro e causano un nuovo trauma. Questi bambini sono puniti per non essere seduti fermi, rimproverati per la calligrafia disordinata e irrequieta, scarsa partecipazione perché la loro angoscia di fondo viene ignorata e sono loro da incolpare, invece di affrontare le barriere nell'ambiente che stanno causando questo disagio.

Quando i bambini autistici non possono autoregolarsi e applicare strategie sensoriali, questo porta a problemi di salute mentale peggiori. Ai bambini viene insegnato che sono loro il problema. Viene loro insegnato a essere "resilienti" e costretti a tollerare ambienti angoscianti (noto come desensibilizzazione che è inefficace, doloroso e offensivo). 

Il trauma di essere innescato dall'ambiente fisico

Esempi di regole rigide inflessibili

  • nessun movimento si interrompe

  • nessun giocattolo irrequieto

  • niente stimming perché "distrae gli altri"

  • divise che sono fatte di tessuti che innescano il travolgimento sensoriale

  • sensibilità al rumore - che porta a crolli e comportamenti che gli adulti considerano impegnativi


I bambini violano le regole scolastiche / le politiche di comportamento perché non possono far fronte alle regole inflessibili che le scuole impongono loro. L'ironia è che i bambini autistici sono etichettati come pensatori inflessibili, eppure sono inseriti in sistemi che impongono l'inflessibile. regole severe.  Potrebbero non superare gli esami perché non possono accedere al curriculum perché semplicemente non possono imparare nei modi prescritti in cui i bambini neurotipici possono e sono etichettati come "stupidi" o "pigri"

Si dice che i bambini autistici abbiano un pensiero rigido e inflessibile. L'ironia è che le scuole sono quelle con regole rigide e inflessibili.

Essere ripetutamente innescati dall'ambiente fino al punto di sovraccarico sensoriale / crolli è il suo tipo di trauma. Ciò si traduce in adulti che fraintendono il disagio del bambino che spesso reagiscono punendolo, sanzionandolo, etichettandolo come "sfidante" o illuminandolo ( dicendo loro che il modo in cui pensano, sentono e agiscono è sbagliato quando in realtà è completamente comprensibile che come ritengono sia del tutto valido).

Il trauma dell'essere socialmente rifiutati

Person holding up a white piece of paper over their mouth with a smile drawn on to represent masking

Le persone autistiche sono state socialmente respinte, prese in giro e vittime di bullismo per tutta la vita da coetanei e adulti, che in risposta, vengono appresi una serie di meccanismi di coping come  mascheramento che porta a devastanti problemi di salute mentale. È anche comune osservare che i bambini/ragazzi autistici usano un linguaggio esplicito (imprecazioni, linguaggio razziale/sessista) in alcune situazioni sociali, che può essere una forma di mascheramento e/o un modo per cercare il controllo - "se li rifiuto prima che loro mi respingano Starò bene". Ma ancora una volta, gli adulti fraintendono le ragioni di questo linguaggio e li etichettano come "sgarbati" e con deficit sociali.

Alcune terapie psicologiche ri-traumatizzano le persone autistiche

I professionisti ben intenzionati causano danni alle persone autistiche senza volerlo. Alcune terapie psicologiche per aiutare le persone autistiche come CBT (Terapia Cognitivo Comportamentale), MBT (Terapia Basata sulla Mentalizzazione), DBT (Terapia Dialettica Comportamentale) o Terapia dell'Esposizione (desensibilizzazione).  

 

Le terapie comportamentali sono radicate nel comportamentismo che tutti condividono la  g OAL che è quello di cambiamento come una persona pensa, sente, o si comporta. Il presupposto è che il cliente abbia "pensieri difettosi" e "deficienze cognitive  / distorsioni" (cecità mentale). Ciò presuppone anche che il terapeuta che esegue la terapia non abbia un pensiero difettoso, e quindi pone il terapeuta in una posizione "onnisciente onnipotente" per cui il suo pensiero, i sentimenti e i comportamenti devono essere "normali". Questo è una posizione one-up Nel contesto dell'autismo e del lavoro con i clienti autistici, questo è il problema della doppia empatia  giocando nella stanza della terapia. Se il terapeuta è neurotipico, questo può essere un problema perché non ha idea di come ci si senta a vivere il mondo come fa il suo cliente. Ciò porta al gaslighting e all'invalidazione che peggiorano le difficoltà del cliente e portano inevitabilmente a una minore autostima / difficoltà di salute mentale. Quando un adolescente/adulto autistico entra in una terapia in cui gli viene detto che pensa, sente e agisce è sbagliato, si ripete un trauma storico per quella persona perché ancora una volta c'è un'altra persona nella sua vita che gli dice che ha bisogno di cambiare.

Cosa succede quando le persone autistiche si sentono licenziate?

Se la persona si sente inascoltata, invisibile, ignorata, respinta, allora la sua fiducia con l'adulto è infranta. Il loro sistema di attaccamento si chiuderà. La loro vergogna crescerà. Continueranno a dubitare della loro realtà. Continueranno a pensare di essere quello che ha bisogno di cambiare. Diventeranno adulti con significative difficoltà di salute mentale. Continueranno a negare i propri sentimenti, perché sono stati condizionati a gaslight se stessi. Continueranno ad avere una scarsa autostima e a pensare "cosa c'è che non va in me?" quando queste terapie non funzionano. Il loro mascheramento aumenta. Laddove queste terapie/terapeuti stanno cercando di lavorare per una migliore salute mentale, accade l'esatto contrario: danneggia la loro salute mentale.

Questo non vuol dire che TUTTE queste terapie siano ugualmente cattive o dannose. Come con molte terapie, ci saranno componenti che potrebbero essere utili. Una frase comune nelle comunità di recupero è "prendi quello che ti piace e lascia il resto". Ad esempio, il DBT è spesso raccomandato per le persone con disturbo borderline di personalità (BPD) che, come sta mostrando la ricerca emergente, molte donne autistiche vengono erroneamente diagnosticate con BPD a causa dell'enorme sovrapposizione di tratti con l'autismo. La DBT insegna strategie di autoregolazione/sensoriali (tolleranza al disagio) per gestire la disregolazione, le posizioni non giudicanti, la comunicazione/assertività/autodifesa. La CBT potrebbe essere utile per aiutare la persona a diventare consapevole dei suoi copioni/convinzioni interne che potrebbero contribuire alle sue difficoltà e aiutare la persona a iniziare a riconoscere che il modo in cui parla a se stessa non è compassionevole o nutriente.

Per coloro che si sentono sfidati da questo (probabilmente quelli che non sono autistici...), potresti pensare "quindi, cosa, non aiutiamo le persone autistiche con la loro ansia? Allora non facciamo terapia? lasciali semplicemente soffrire? Non c'è niente con un approccio comportamentale se riduce la loro ansia - sicuramente cambiare il modo in cui pensano è il punto centrale, altrimenti sono bloccati con gli stessi schemi di pensiero inutili?"  .     

 ...ovviamente va bene aiutare le persone autistiche a gestire la loro ansia. Il COSA rimane essenzialmente lo stesso, che è aiutare la persona, ma è il COME che differisce. È l'approccio e la lente attraverso cui osserviamo la persona autistica.

 

Puoi aiutare la persona a gestire la sua ansia  senza invalidare e respingere le loro lotte. Imparare a riconoscere i sentimenti di eccitazione, tristezza, ansia e angoscia è importante. Imparare come si sente il tuo corpo quando sei in questi stati è importante.  Imparare come auto-calmarsi, quali strategie sensoriali ti aiuteranno, i tuoi fattori scatenanti, riconoscere i pensieri che non ti servono più, scrivere affermazioni per te stesso... questi sono tutti modi per lavorare con l'ansia in modo nutriente. Nessuno di loro assegna un giudizio o dice a qualcuno come dovrebbe sentirsi. 

I bambini autistici hanno bisogno di modelli di ruolo autistici. Trovare un terapeuta autistico (o neurodivergente) è una combinazione perfetta e può essere incredibilmente curativo e potente.

Se i terapeuti neurodivergenti sono difficili da trovare, almeno trova qualcuno che COMPRENDA l'autismo, come questo si collega al trauma e come le differenze di funzionamento/comunicazione sensoriali/esecutive possono avere un impatto sulla terapia e sulla relazione terapeutica. Quando cerchi un terapeuta, chiedi loro qual è la loro esperienza di lavoro con i clienti autistici. 

Come fornire un ambiente affermante e convalidante

Cose da dire/fare:

Cose da NON dire/fare:

  • CONVALIDA la loro esperienza

  • Affermare la loro realtà

  • "Hai tutto il diritto di sentirti così"

  • "Quello che ti è successo non è andato bene"

  • "Va bene che tu ti senta [spaventato, ansioso, preoccupato]"

  • Ricorda loro che va bene avere dei bisogni

  • "Come ti ha fatto sentire?"

  • "Va bene..."

  • Ricorda loro spesso che sono sufficienti

  • Fornire dichiarazioni rassicuranti

  • "Grazie per avermelo detto"

  • Sii coerente. Dì ciò che intendi. Intendi quello che dici.

  • Dai loro compassione e comprensione

  • Usa un tono di voce calmo e gentile

  • "Non sei responsabile dei sentimenti degli altri"

  • "Di cosa hai bisogno?", "Cosa posso fare?"

  • Consenti silenzio/pause

  • "Prenditi tutto il tempo che ti serve"

  • "Mi dispiace tanto per quello che ti è successo"

  • "Sembra davvero difficile"

  • "Vedo che sei [turbato, in difficoltà, che trovi difficile]"  

  • Sii gentile. Essere pazientare. Costruisci fiducia.

  • Comunica il tuo processo, controlla di aver capito: "quello che sento è", "ho capito bene?"

  • Non cercare di aggiustare, cambiare o dare soluzioni

  • "Non essere [sciocco / stupido / sciocco]"

  • "Sono sicuro che quella persona voleva dire-"

  • Non chiamateli "ad alto funzionamento"

  • "Sei troppo sensibile"

  • Non fare supposizioni / assegnare giudizi

  • Non parlare troppo velocemente

  • Non parlare troppo

  • Non toccare senza consenso, ad esempio la mano sulla spalla

  • Non minimizzare come si sentono

  • Non respingere i loro sentimenti

  • "Sostituiscilo con un pensiero positivo"

  • Non assegnare un giudizio a  comportamento

  • Non parlarci sopra / interromperli

  • "Ignoralo/loro"

  • "Starai bene"

  • "Pensa troppo alle cose"

  • Non confrontare le loro difficoltà con quelle degli altri

  • "So come ti senti"

  • "Stai esagerando"

  • "Probabilmente hai frainteso"

  • "L'hai presa sul personale"

  • "Devi solo..."

  • "Potrebbe essere peggio"

  • "Basta pensare positivo"

Graphic of a person sat holding their legs upto their chest looking down at floor.