LE DIFFICOLTÀ

COMUNICAZIONE AUTISTICA

A girl with dark hair sat on a chair with her legs up close to her chest, looking away from the camera staring out the window

Storicamente, la società ha visto le persone autistiche come "problematiche" quando si tratta di comunicazione. Le persone autistiche sono etichettate come aventi deficit sociali. Il problema è che deriva dal punto di vista di una persona neurotipica, o da una visione della disabilità del Modello Medico che non considera gli stili di comunicazione autistici (" Il problema della doppia empatia")

Ansia sociale

Le persone autistiche sperimentano quotidianamente alti livelli di ansia generalizzata. Navigare in un mondo neurotipico che non è predisposto per le persone neurodiverse può essere paralizzante. Come persona autistica, di solito ripeto le interazioni più e più volte nella mia testa. Faccio di tutto per non sembrare scortese, imbarazzante e cerco di stabilire un contatto visivo. Le persone autistiche affrontano già sfide sensoriali che hanno un enorme impatto sulla nostra interazione sociale (musica ad alto volume nei negozi, persone che parlano, folla, autobus caldi, odori). Ma aggiungere le pressioni di apparire "normali" può essere schiacciante. 

A yellow lightning bolt

Comprensione letterale del linguaggio

Le persone autistiche possono avere difficoltà a comprendere il linguaggio astratto / linguaggio figurato come: modi di dire, metafore, doppi significati, sarcasmo... E nonostante io sia un logopedista, sono una persona che può essere MOLTO letterale e spesso mi fa sentire incomprensioni esperienza e guasti di comunicazione - per lo più durante l'interazione con le persone non-autistici che hanno diversi stili di comunicazione. Spesso ci sono molte interpretazioni diverse di ciò che le persone potrebbero significare quando comunicano usando il linguaggio del corpo, frasi e parole (questo è noto come pragmatica - vedi sotto). Le differenze tra NT e stili di comunicazione autistici spesso portano a malintesi perché è comune che i NT parlino in modi indiretti che mancano di chiarezza e concretezza.

A white speech bubble

Pragmatica (abilità sociali)

 

 

Questo è ciò che viene spesso etichettato come compromesso nelle persone autistiche. La pragmatica è "l'uso del linguaggio"; quindi capire il linguaggio del corpo, usare i gesti, sapere quando è il tuo turno di parlare nelle conversazioni, come avviare interazioni, come porre domande, come commentare - quindi fondamentalmente aderendo alle norme sociali del NT. La pragmatica implica l'inferenza di informazioni e la "lettura tra le righe". Mentre è comune per le persone autistiche lottare con questo, vale la pena guardare la pragmatica attraverso una lente della neurodiversità perché è tutta una questione di percezione. La pragmatica è un campo della logopedia basata sulle norme sociali del NT . È costruito su esperienze soggettive di interazione del NT.

È più complicato di quanto pensi

 

Contatto visivo

Photograph of an eye with a rainbow shining across it. The pupil is a rainbow spectrum

Il contatto visivo può essere fisicamente doloroso per una persona autistica. Il mito che "se riesci a stabilire un contatto visivo, allora non puoi essere autistico" è estremamente impreciso (ricorda che molti di noi si sono addestrati nel corso degli anni a forzare il contatto visivo, come risposta condizionata ad anni di rifiuto sociale:  (vedi ' mascheramento').  Alcune persone autistiche lo evitano del tutto, alcuni possono farlo ma è fugace e molti lo costringono a placare l'altra persona. Perché il contatto visivo è doloroso?

 

La ricerca mostra che nonostante i neurotipici percepiscano la mancanza di contatto visivo come scortese, in realtà, il contatto visivo aumenta l'ansia per una persona autistica a causa dell'eccessiva eccitazione / iperattivazione in parti del cervello (Hadjikhani, 2017; Dalton et al., 2005; Madipakkam et al., 2017) . Quindi costringere una persona autistica a stabilire un contatto visivo può danneggiarla . Può essere eccezionalmente difficile stabilire un contatto visivo durante i periodi di stress, esaurimento o se stiamo cercando di spiegare verbalmente qualcosa e ci concentriamo così duramente su tutte le esigenze del funzionamento esecutivo.

FONTI

 

Hadjikhani, N., Åsberg Johnels, J., Zürcher, NR et al. Guardami negli occhi: limitare lo sguardo nella regione oculare provoca un'attivazione subcorticale anormalmente alta nell'autismo. Sci Rep 7, 3163 (2017). https://doi.org/10.1038/s41598-017-03378-5

Dalton KM, Nacewicz BM, Johnstone T, Schaefer HS, Gernsbacher MA, Goldsmith HH, Alexander AL, Davidson RJ. Fissazione dello sguardo e circuiti neurali dell'elaborazione del viso nell'autismo. Nat Neurosci. 2005 aprile;8(4):519-26. doi: 10.1038/nn1421.  

Madipakkam, AR, Rothkirch, M., Dziobek, I. et al. Evitamento inconscio del contatto visivo nel disturbo dello spettro autistico. Sci Rep 7, 13378 (2017). https://doi.org/10.1038/s41598-017-13945-5

 

Memoria di lavoro

La memoria di lavoro ci aiuta a memorizzare temporaneamente le informazioni nel nostro cervello. Ci aiuta a ricordare le istruzioni vocali, le indicazioni stradali sulla mappa, una lista della spesa e più informazioni. Ci aiuta a rispondere a domande pronunciate in più parti (come in un colloquio di lavoro). Una difficoltà comune per le persone autistiche è tenere in mano più informazioni nella nostra testa. Esempio: a un bambino viene detto "vai di sopra, lavati i denti, metti via i giocattoli". Quando hanno ascoltato la terza informazione, hanno già dimenticato la prima. Ma questo è spesso frainteso come "non stai ascoltando", dimenticanza o cattivo comportamento.

Drawing of a lightbulb on a yellow post it to symbolise an idea

Un altro esempio: un adulto autistico è in un colloquio di lavoro e gli è stata posta una domanda in più parti, ad esempio "dimmi una volta in cui X, cosa hai imparato e come puoi portarlo a questo lavoro". Per i cervelli neurodivergenti possono essere troppe informazioni da contenere . Un altro esempio: sei in un bar  con gli amici e ti offri di prendere le ordinazioni di tutti e di andare alla cassa - quando arrivi al bancone hai già dimenticato quello che hanno detto e devi tornare a chiedere. Questo è il motivo per cui scrivere le cose può essere una tale strategia di supporto per le persone autistiche, perché rende le cose concrete e fa sì che le informazioni rimangano più a lungo.

 

Velocità di elaborazione

Le persone autistiche possono impiegare molto più tempo per elaborare il linguaggio e le informazioni parlate. Questo può essere dovuto all'elaborazione uditiva/elaborazione del linguaggio/difficoltà linguistiche e all'elaborazione sensoriale. Le persone autistiche hanno bisogno di MOLTO tempo di elaborazione. Se qualcuno parla troppo velocemente, usa un linguaggio eccessivo, fornisce troppe informazioni in una volta sola, fa troppe domande o non dà abbastanza tempo per rispondere, può portare a disregolazione, frustrazione, ansia, sovraccarico sensoriale e crolli . Se la persona è in difficoltà, la sua capacità di accedere/elaborare la lingua parlata è significativamente ridotta.

White thought bubble

Alessitimia

Cos'è l'alessitimia?  L'alessitimia è un costrutto di personalità coniato per la prima volta negli anni '70 dallo psichiatra Peter Sifneos. Alessitimia significa letteralmente "nessuna parola per i sentimenti" ed è caratterizzata da: difficoltà nell'identificare le emozioni, nell'esprimere le emozioni, nel descrivere le emozioni, nell'identificare le sensazioni fisiche associate agli stati emotivi. L'alessitimia è molto comune tra le persone autistiche ed è stata riscontrata anche nelle popolazioni psichiatriche, ad esempio frequentemente co-si verifica con l'anoressia e disturbi di personalità.  L'alessitimia può essere valutata utilizzando una misura self-report (TAS-20, Bagby et al., 1994).  

La capacità di esprimere emozioni richiede un'elaborazione a livello linguistico e si suggerisce che una proporzione di persone con Disturbo del Linguaggio/difficoltà linguistiche mostri anche caratteristiche di alessitimia. Le persone con alessitimia mostrano difficoltà con il vocabolario delle emozioni (Suslow & Junghanns, 2002). Le relazioni interpersonali tendono ad essere più difficili a causa della difficoltà di parlare delle emozioni. 

A dozen eggs in an eggbox. Each egg has a different expression / emotion drawn on

FONTI

Sifneos, P., Apfel-Savitz, R., & Frankel, F. (1977). Il fenomeno dell'"alexithymia": osservazioni in pazienti nevrotici e psicosomatici. Psicoterapia e psicosomatica, 28(1/4), 47-57. Estratto il 16 aprile 2021 da http://www.jstor.org/stable/45114843

R.Michael Bagby, James DA Parker, Graeme J. Taylor (1994) La scala Toronto Alexithymia a venti elementi—I. Selezione degli elementi e convalida incrociata della struttura dei fattori, Journal of Psychosomatic Research, Volume 38, Issue 1 -  https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/0022399994900051?via%3Dihub

Suslow, T., & Junghanns, K. (2002). Compromissione della situazione emotiva che si innesca nell'alessitimia. Personalità e differenze individuali, 32(3), 541-550.  https://doi.org/10.1016/S0191-8869(01)00056-3

Hobson, Hannah & Brewer, Rebecca & Catmur, Caroline & Bird, Geoffrey. (2019). Il ruolo del linguaggio nell'alessitimia: muoversi verso un modello a più vie di alessitimia. Recensione di emozione. 11. 10.1177/1754073919838528. - Link