PRO-NEURODIVERSITÀ MODELLO

Sostenere le esigenze di linguaggio, linguaggio e comunicazione dei bambini autistici attraverso approcci compassionevoli

3D icon of a star, beige coloured with dots in an outline of the star, with a smaller star above it

VALUTAZIONE

STRUMENTI DI VALUTAZIONE

  • Tappetini parlanti

  • Audit di comunicazione ambientale di casa, classe, partner di comunicazione

  • Questionari di autovalutazione: cattura la voce del bambino

  • Osservazioni in una varietà di contesti es. pranzo, pausa, gioco

  • Livelli vuoti (livelli 1-4)

  • Istruzioni a livello di parola chiave

  • Osservare il linguaggio in funzioni specifiche, ad esempio richiedere, chiedere aiuto

  • Questionario a favore della neurodiversità (vedi sopra)

  • Conversazione

  • Descrivere immagini composite

  • Abbinare le parole delle emozioni con le immagini

  • Scale di valutazione

La difficoltà di comunicazione sta causando disagio a loro / ad altre persone?
Ad esempio non sono in grado di comunicare che hanno bisogno del bagno, stanno trascurando i loro bisogni primari perché non sanno come esprimerli? Hanno frequenti interruzioni della comunicazione? Sanno cosa fare quando le persone non li capiscono? (strategie compensative?) Stanno usando un linguaggio esplicito che sta veramente sconvolgendo gli altri?
​​

"Non verbale"...

Il bambino è davvero non verbale? O non parlano? Questi termini sono spesso fraintesi. A chi non parla non piace essere chiamato non verbale perché viene interpretato come "oh, non capiscono affatto la lingua" e di conseguenza può essere trattato peggio - le persone danno per scontato di non avere la capacità di capire cosa sta succedendo intorno a loro.

A light skinned woman sat on a sofa with a clipboard facing a dark skinned girl. Both are smiling

Ci sono fattori AGGIUNTIVI che contribuiscono?

  • Mutismo selettivo

  • Difficoltà comunicative espressive/ricettive

  • Difficoltà del suono/fonologia del parlato

  • Bilinguismo

  • Salute mentale

  • Bisogni sensoriali

  • Disregolazione

  • Fluidità (balbuzie, disordine)

  • Voce

  • ADHD

  • Insonnia

  • Condizioni di salute

INTERVENTO

Dobbiamo cambiare l'ambiente, non il bambino

Vogliamo creare un ambiente che consenta il massimo. Il mondo non è predisposto per i bambini autistici, motivo per cui dobbiamo concentrarci sulla rimozione delle barriere nel loro ambiente naturale e creare adattamenti ambientali. Vogliamo creare un ambiente di Comunicazione Totale. Quindi non cambiamo la persona, cambiamo l'ambiente. Le persone autistiche hanno difficoltà a generalizzare le abilità a nuove situazioni (quindi applicare un'abilità appresa in una sessione 1:1 fuori dalla stanza a una serie di contesti).

QUESTO SIGNIFICA....

Total Communication logo - 5 coloured circles representing an eye, ear, nose, mouth, finger

Comunicazione Totale: un approccio che utilizza tutti i metodi di comunicazione per creare un ambiente massimamente abilitante

  • Tutti nell'ambiente del bambino sono responsabili di fornire "intervento"
     

  • Le persone nell'ambiente SONO l'ambiente di comunicazione, il che significa che i professionisti e il personale hanno il dovere di adattare i loro stili di comunicazione e interazione per supportare i bambini autistici.
     

  • Le strategie sono incorporate tutto il giorno, ogni giorno, durante il giorno, da tutti.
     

  • Gli adulti offrono ai bambini opportunità regolari di usare, sviluppare e mettere in pratica le capacità di comunicazione
     

  • L'input terapeutico è incorporato nell'ambiente naturale, ad esempio in classe, a pranzo, durante le lezioni
     

  • Le abilità vengono insegnate/sviluppate in normali attività quotidiane - non solo con il logopedista in una sessione 1:1 1 volta al giorno o alla settimana.
     

  • Adulti che insegnano la lingua attraverso la modellazione in contesti naturali - Aided Language Stimulation
     

  • Non usare ABA o interventi comportamentali come PECS per sviluppare il linguaggio - vedi qui per perché

Strategie di comunicazione

  • Rallenta la tua velocità di parola. Parla più lentamente. Questo supporta l'elaborazione del linguaggio degli studenti e le difficoltà di funzionamento esecutivo
     

  • Riduci la quantità di parlato/lingua parlata che stai usando  
     

  • Non mettere fretta alla persona e non dare l'impressione che tu voglia che finisca quello che sta dicendo. Questo crea più ansia che influisce ulteriormente sulle loro capacità di comunicazione espressiva.
     

  • Dai un sacco di tempo di elaborazione. Potrebbe sembrare imbarazzante per te, ma non lo sarà per la persona autistica.
     

  • Fai una pausa tra le frasi, dai loro il tempo di digerire ed elaborare il tuo messaggio, specialmente quando spieghi qualcosa o dai istruzioni.
     

  • Evita domande in più parti. Chiedi 1 alla volta e attendi una risposta. Quando hai detto la terza domanda, hanno dimenticato la prima parte.
     

  • Sii il più specifico possibile. Dì ciò che intendi. Ci sono molte interpretazioni alle cose che la gente dice.
     

  • Se la persona fa domande di follow-up alle tue domande, non guardarla come se fosse stupida. Stanno semplicemente cercando maggiori informazioni perché qualcosa non è stato spiegato loro a sufficienza.
     

  • Spiegare il linguaggio non letterale (metafore, simbolismo, modi di dire, parole e frasi con doppi significati o con molte interpretazioni diverse)
     

  • Spiegare il linguaggio/gergo tecnico, ad esempio se si spiega la legge e si utilizzano parole come "reato", "violazione", "custodia".
     

  • Scomporre le istruzioni. Dì una cosa alla volta.
     

  • Ripetere le istruzioni/informazioni
     

  • Pronuncia il loro nome per attirare la loro attenzione prima di iniziare a parlare con loro

Prevenzione della domanda patologica

La spinta all'autonomia

Qualsiasi sensazione che il bambino possa perdere il controllo lo indurrà a resistere a qualsiasi forma di richiesta. Possono essere in modalità sopravvivenza, il che significa che avranno bisogno di proteggersi negando le richieste degli adulti. I "comportamenti" sono il risultato di bisogni insoddisfatti. 

Perché hanno bisogno di proteggersi? Cosa li fa sentire insicuri? Quali cose nell'ambiente li fanno diventare disregolati?

Scopri le cose che li fanno sentire insicuri : eventi, attività, situazioni a scuola.

Scopri le cose che li fanno sentire al sicuro : eventi, attività, situazioni a scuola.

Attingi ai loro interessi e ispirali piuttosto che istruirli, pretendere o dirigerli. Se svolgono questo compito, cosa ne ricaveranno?

Image of Pathological Demand Avoidance infographic of communication strategies

Download gratuito di strategie linguistiche per PDA

"Ecco come la mia neurobiologia si fa strada attraverso la resistenza interiorizzata"

AUTO-AVVOCATO:

Aiutare gli studenti a sviluppare indipendenza, fiducia in se stessi, autostima.  Le abilità di autodifesa sono vitali per i bambini/ragazzi autistici e avranno benefici per tutta la vita sulla loro autostima, sulla loro identità autistica e sulla loro indipendenza.

Esempi di abilità da sviluppare:
 

  • Richiedere un articolo o un'attività

  • comunicare un bisogno

  • chiedere aiuto

  • fare una scelta

  • risoluzione dei problemi

  • esprimere opinioni

  • descrivendo i loro confini

  • affermarsi

Five children facing away with their backs facing the camera. All wearing different coloured capes

Come si insegna l'autodifesa?

Comprendi che il comportamento potrebbe presentarsi come "difficile", ma il bambino potrebbe semplicemente provare a comunicare un bisogno e a difendersi. Rispondi a tutti i tentativi che fanno per comunicare i loro bisogni, verbalmente o non verbalmente. Non insistere su "usa le tue parole" o "dillo più educatamente" - potrebbero non avere linguaggio, vocabolario, capacità cognitive o sensoriali in quel momento. Potrebbero essere disregolati o chiusi.  Incoraggiali a chiedere ciò di cui hanno bisogno.  Creare molti mezzi, ragioni, opportunità per tutto il giorno, ad esempio offrire scelte, modellare come esprimere i bisogni. Fornire orari visivi, simboli, schede break/help, prima/poi visual, etichette in classe.  Se lo studente fa fatica a difendersi verbalmente, inizia aiutandolo a farlo attraverso altri metodi, ad esempio scrivendo i suoi bisogni, gesticolando, indicando, annuendo o scuotendo la testa a domande chiuse. 

L'AUTENTICA AUTONOMIA NON SEMBRA SEMPRE EDUCATA

5 self-disclosure badges and self-advocacy badges e.g. "I'm autistic", "Please don't touch me"

Strategie più pratiche per potenziare i bambini autistici:

Rispetta quando il bambino rifiuta qualcosa o dice di no

Riconosci i tentativi di autodifesa del bambino - "Mi è piaciuto come ti sei difeso lì!"

Chiedi al bambino di elencare alcune delle sue qualità personali, talenti, punti di forza

Chiedi al bambino "hai bisogno di qualcosa da me?"

Scrivi affermazioni su piccoli biglietti da portare in giro, ad esempio "va bene chiedere ciò di cui ho bisogno"

Scrivi messaggi affermativi e promemoria sui post-it e mettili sulla scrivania del bambino, ad esempio "Posso prendermi il mio tempo e non devo avere fretta"

Badge di divulgazione come aiuto visivo per comunicare i bisogni alle persone - "Sono autistico", "Ho bisogno di tempo per elaborare le tue parole" ecc.

FONTI

LINGUAGGIO / PRAGMATICA

piuttosto che lavorare sulle "abilità sociali"

A group of teenage boys and girls sat with their backs against blue lockers laughing and chatting

Educare gli studenti autistici su  Il problema della doppia empatia e come le incomprensioni non siano dovute solo al loro stile di comunicazione, ma siano dovute a una difficoltà relazionale tra non autistici e neurotipici.

Insegna loro la comunicazione neurotipica e le interruzioni della comunicazione che probabilmente incontreranno nella comunità. Preparali e insegna loro come riparare un malinteso quando accade. Modella come riparare incomprensioni e rotture nella relazione quando accadono tra di voi.

Concentrati sull'avere interazioni reali con lo studente, non valutazioni e interventi mascherati da attività e giochi che mettono davvero alla prova le sue capacità comunicative. In realtà costruisci la relazione. Chiedi loro dei loro interessi / passioni / argomenti preferiti. 

FONTI :
Come insegnare un linguaggio pragmatico senza essere abili [post sul blog]. Disponibile da: www.deepcontemplationblog.wordpress.com

Non-ableist Pragmatic Language Therapy - The Therapist Neurodiversity Collective - https://therapistndc.org/therapy/non-ableist-pragmatic-language-therap y/

LINGUAGGIO ESPLICITO

A dark skinned girl with black hair wearing a pink shirt and red skirt. The girl looks frustrated and has her fists are clenched
  • Cerca di non giudicare o dare per scontato. Cerca di scoprire cosa sta succedendo dietro il linguaggio/comportamento.
     

  • Considera l' oscuramento diagnostico  - stanno soffrendo?
     

  • Fai il check-in con le persone a casa per esplorare tutto ciò che potrebbe contribuire.
     

  • Costruire la loro comprensione / esplorare come le persone potrebbero reagire a loro (assunzione di prospettive)
     

  • Usa storie sociali e conversazioni a fumetti (senza imporre come "dovrebbero" agire - non dettare loro!)
     

  • Usa Talking Mats per identificare i loro sentimenti su vari argomenti, ad esempio come si sentono riguardo alla scuola, agli amici, agli hobby, ecc
     

  • Prendere in considerazione eventuali esigenze di salute mentale/traumi sottostanti e fare riferimento a consulenza/psicologia/psicoterapia
     

  • Esplora i bisogni sensoriali / incoraggia e aumenta  strategie di regolazione durante il giorno, ad esempio interruzioni del movimento
     

  • È PDA? Stanno cercando di cercare il controllo come un modo per gestire l'ansia travolgente?
     

  • Stanno solo cercando di avviare una conversazione ma non sanno davvero come?
     

  • A loro piace la reazione che ricevono dalle persone intorno a loro, ad esempio le persone ridono?
     

  • Ecolalia immediata o ritardata? Capiscono quello che stanno dicendo?
     

  • Sono disregolati/fuori dalla loro finestra di tolleranza? Sovraccarico sensoriale?
     

  • Ci sono difficoltà linguistiche di fondo che contribuiscono?  Ad esempio, hanno il vocabolario per identificare e descrivere le proprie emozioni? Considera ALESSITIMIA

ASSUNZIONE DI PROSPETTIVA:

Costruire la comprensione di se stessi e delle altre persone

DOMANDE PER PRONTE A PRENDERE PROSPETTIVE

  • Che emozioni provi?

  • Perché hai detto/fatto così?

  • Perché ti fa sentire X?

  • Perché pensi / senti questo?

  • Qual è la tua percezione di quello che è successo?

  • Perché potrebbero sentirsi così?

  • Perché pensi che l'abbiano fatto?

  • Cosa potrebbero pensare/sentire?

  • Cosa pensi che faranno dopo?

  • Quale pensi che sia la loro interpretazione?

A white speech bubble

Una nota sulla prospettiva...

Quando cerchi di esplorare le prospettive di altre persone con il tuo cliente autistico, c'è un tempo e un posto per questo. Quando ti portano una situazione in cui sono disregolati, turbati, arrabbiati, ansiosi in risposta a qualcosa di angosciante, ad esempio una discussione, una volta in cui si sono sentiti fraintesi, convalida SEMPRE prima la loro prospettiva.

 

Ricorda, la maggior parte delle persone autistiche ha sperimentato un trauma relazionale per cui gli è stato detto per tutta la vita che sono loro a pensare/sentire/agire in modo sbagliato. Passando direttamente all'esplorazione delle prospettive di altre persone, stai ripetendo un trauma per quella persona per cui i suoi sentimenti e le sue esperienze sono stati nuovamente invalidati.

Leggi di autismo e traumi qui.

Fornire commenti sociali

Spiega il tuo processo ad alta voce, racconta cosa stai pensando, commenta questioni sociali, ad esempio razzismo, sessismo. Questo può davvero aiutare a sviluppare la comprensione man mano che gli studenti ottengono un MODELLO di assunzione di prospettiva / esplorazione delle questioni sociali.

STORIE SOCIALI

Carol Gray. Le storie sociali sono un ottimo modo per supportare la comprensione, ridurre l'ansia riguardo alle situazioni e costruire una prospettiva. Sfortunatamente, molte storie sociali sono scritte in modo da costringere i bambini autistici a conformarsi, in modo che gli adulti possano convincerli a fare ciò che vogliono. Questo approccio incoraggia il mascheramento, esclude i bisogni e le percezioni del bambino e cerca di controllare solo un comportamento, ad esempio "non dovrei interrompere", "starò zitto".  L'approccio di Carol Gray consiste nel 1) abbandonare tutti i presupposti 2) riconoscere che le difficoltà sociali sono condivise da entrambi i gruppi di persone e 3) entrambe le prospettive sono ugualmente valide. Le storie sociali dovrebbero essere personalizzate per il bambino con un linguaggio e immagini di livello adeguato. Dovrebbero descrivere più di quanto dirigano, rispondere alle domande WH, usare un linguaggio rassicurante e non contenere un linguaggio giudicante.

CONVERSAZIONI SUI FUMETTI

Le conversazioni a fumetti sono uno strumento utile quando si esplorano sia le prospettive delle persone che i sentimenti delle situazioni, ad esempio disaccordi, incomprensioni, conflitti. Spiegazione qui.

FONTI

EMOZIONI

La convinzione che le persone autistiche manchino di empatia è un mito. Le persone autistiche possono provare emozioni così intense da essere travolgenti. Poiché è molto più probabile che abbiamo problemi di salute mentale rispetto alla popolazione generale, è davvero importante che i professionisti e i servizi prestino attenzione ai bisogni emotivi / sensoriali / fisici non soddisfatti e considerino l'impatto di traumi ripetuti sugli individui autistici. Il nostro comportamento è spesso frainteso e patologizzato, ad esempio ossessivo, rigido, provocatorio, inappropriato, egoista.

Infographic of 'alexithymia'. 4 coloured boxes representing different aspects to alexithymia

ALESSITIMIA

Alessitimia è un termine psicologico per "senza parole per i sentimenti". È caratterizzato da difficoltà nell'identificare i sentimenti, abbinare le sensazioni fisiche nel corpo con vari stati emotivi, difficoltà nell'esprimere verbalmente i sentimenti e nel descrivere come si sente la persona. L'alessitimia è comune nelle persone autistiche. 

Logo of Neuroclastic website. Black background with red wing, with "neuroclastic" in white letters
A child wearing headphones watching a tablet screen

STRATEGIE DI SOSTEGNO

  • Creare opportunità REGOLARI durante il giorno per consentire al giovane di identificare come si sente, ad esempio utilizzare un termometro emozionale o zone di regolazione, mood board, chiedendogli verbalmente.
     

  • Modella come esprimere le emozioni e quale vocabolario usare, ad es. "Mi sento stanco stamattina - il mio corpo si sente molto pesante", "Oggi mi sento felice - ho molta energia e voglio saltare in giro"
     

  • Chiedi loro PERCHÉ potrebbero provare un'emozione particolare.  
     

  • Identificare le strategie di autoregolazione della persona e aiutarla ad accedervi quando sono disregolate. Fai una lista e mettila sulla loro scrivania, ad esempio "quando mi sento arrabbiato posso X"
     

  • Chiedi loro di identificare alcune sensazioni fisiche che potrebbero essere associate a un'emozione, ad esempio "come fai a sapere quando sei arrabbiato? Come ti senti nel tuo corpo?"

  • Lavoro congiunto con Terapia occupazionale / Psicologia clinica

  • Linguaggio per il comportamento e le emozioni: una guida pratica per lavorare con bambini e ragazzi - Libro di Anna Branagan, Melanie Cross e Stephen Parsons
     

  • Strumenti visivi:

Emotion Thermometer with green to red colours to represent emotions
A photo vignette of a selection of emojis
A photo of coloured pencils on a mood tracker piece of paper